Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “maggiori informazioni” per informarti e per impostare il tuo brower secondo i tuoi desideri. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Blog Bliblioteca

punto di incontro per la Valdichiana senese

un giorno lunghissimo

Inviato da il in Storia
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 3436
  • 11 Commenti
  • Stampa

vday_20131009-072050_1.png7 ottobre

Il giorno Lunghissimo a cui si ispira il titolo di questo libro, fa riferimento al famoso film americano “Il giorno più lungo”, del quale utilizza anche l'immagine che fu del manifesto del film per la propria copertina, personalizzandola con le colline della Valdichiana e aggiungendo la Balzana, simbolo di Siena, a l'elmetto americano, sintesi altamente emozionale di ciò che accadde quel giorno del 1944 sulle spiagge della Normandia.

 

v-day_20131009-072053_1.pngCome si ricorderà il film, girato completamente in bianco nero, utilizzò una quantità inusitata di attori di primissimo piano, molti dei quali avrebbero potuto essere i protagonisti unici ma che, invece, in considerazione del numero, ebbero a disposizione tempi e spazi molto ridotti. 

Era in queste due scelte la chiave di lettura del film: Quello non era un romanzo, e neppure una storia romanzata, era il reportage dell'avvenimento visto da tutte le angolature. Non c'era un narratore, ma tanti personaggi che raccontavano tante storie all'interno di quella generale, ed essendo privati della loro grandezza di attori, potevano essere chiunque. I loro racconti erano in bianco nero perché all'epoca il cinema parlava in quel modo.

Quando con l'articolo “VALDICHIANA 1363-2013” di sabato 1 Giugno 2013, abbiamo lanciato a tutti l'invito a partecipare ad una iniziativa che, con la scusa dell'anniversario, si prestava ad una serie di possibili sviluppi, data la grande “fotografia” della nostra zona che l'affresco di Lippo Vanni ci offre, non c'era nessun progetto in corso se non quello che sarebbe stato sviluppato con la partecipazione degli amici del blog.

Nello stesso invito e negli sporadicissimi richiami successivi si faceva riferimento alla data di ottobre per il resoconto dell'iniziativa.
Il 7 ottobre 2013 è appena passato e questo libro ne rappresenta la sintesi.

Per chi lo volesse, nella sezione multimedia c’è l'eBook in versione ePub e pdf.
E ancora, per chi lo volesse, ma senza impegno, è stata aperta nella sezione e-book, una sottosezione per i lavori riguardanti il 650esimo e dintorni.

 

 


 

Vota:

Gruppo di volontari/e con riferimento alla Biblioteca Comunale di Sinalunga

Commenti

  • Ospite
    Federico Domenica, 13 Ottobre 2013

    COME SI POTREBBE FARE PER AVERE QUESTI LIBRI STAMPATI?

  • Ospite
    Antony Domenica, 13 Ottobre 2013

    Complimenti per il lavoro che state facendo tuttavia non posso fare a meno di fare una critica: possibile che non si riece a trovare il modo di stampare qualche copia da tenerla in biblioteca per tutti coloro i quali come il sottoscritto non riescono a concentrasi e quindi a leggere sul computer?
    Ma non lo dico con cattiveria e' solo che mi dispiace

  • Ospite
    Franco Domenica, 13 Ottobre 2013

    Il mio parere per quanto conta è che tutto quello che avete guadagnato in prestigio con i quaderni sinalunghesi lo state perdendo ora con questi famigerati e-book.
    Io credo che non dovrebbero essere dimenticati gli amanti dei libri veri e della storia locale

  • Ospite
    CARLO Domenica, 13 Ottobre 2013

    la penso anhc'io allo stesso modo. Prima si poteva essere orgogliosi dei quaderni sinalunghesi che nessun altro aveva e ora mi sembra che la gente ci prenda in giro
    io proprio non capisco perche' si deve sempre andare dietro agli americani come se in termini di storia ci potessero insegnare qualcosa
    cosi' non va per niente bene

  • Ospite
    Elena Domenica, 13 Ottobre 2013

    Faccio una riflessione a voce alta: ma se dopo il grande lancio pubblicitario fatto per festeggiare questi 650 anni della battaglia della Val di Chiana i risultati sono solo questi, non sarebbe stato meglio stendere il classico velo pietoso e fare come se niente fosse accaduto?
    Dalla mia cameretta con lo sguardo perso appunto nella valle della Chiana, oggi soleggiata e con un po' di foschia verso Cortona, saluto tutti e continuo a studiare........

  • Redazione
    Redazione Giovedì, 17 Ottobre 2013

    Rispondiamo con un certo ritardo a questa riflessione perché non siamo riusciti a coglierne subito il senso. Considerando però che anche a distanza di alcuni giorni continuiamo a non capire, abbiamo deciso di dover rispondere, perché la buona educazione lo richiede, facendo le due ipotesi che seguono
    – Se si vuole criticare la pochezza di quanto abbiamo fatto noi, non possiamo che rispondere che le nostre capacità sono queste.
    – Se si vuole criticare la mancanza di partecipazione, ma al tempo stesso non si vuole criticare per il gusto della critica, possiamo dire che forse, dopo aver osservato le romantiche foschie della Chiana, non si sono trovate sufficienti ispirazioni.

  • Pasquino
    Pasquino Lunedì, 14 Ottobre 2013

    Ok ragazzi sono con voi!
    Proseguiamo che siamo sulla buona e retta via.
    Per il resto, non facciamoci caso.

  • Ospite
    Chiara Martedì, 15 Ottobre 2013

    Il capitolo degli americani all'Amorosa mi è proprio piaciuto. Prima o poi bisogna che ci passo una vacanza anche se solo di un giorno

  • Ariano
    Ariano Giovedì, 17 Ottobre 2013

    Fin dal primo momento della comunicazione dell'idea ho pensato di partecipare perche' ho capito le motivazioni della sfida lanciata. Ho pensato e ripensato ma alla fine non sono riuscito a fare niente.
    Ora che l'occasione e' sfumata mi dispiace non aver pensato abbastanza, se lo avessi fatto probabilmente qualcosa ne sarebbe uscita.
    Mi fa però molto piacere constatare che malgrado tutto l'organizzazione generale e' riuscita a fare qualcosa. Preciso che questo "qualcosa" e' fatto molto bene. Mi complimento.

  • Ospite
    ALEX Lunedì, 28 Ottobre 2013

    Divertente, si legge tutto d'un fiato
    mi sento di consigliarlo

  • Ospite
    Maria Lunedì, 28 Ottobre 2013

    Simpatico, pieno di invenzioni, con una serie di vignette molto ben fatte

Lascia il tuo commento

Ospite Mercoledì, 18 Settembre 2019
free joomla templatesjoomla template
BIBLIOATO ALTA VALDICHIANA SENESE - SCRIVI ALLA REDAZIONE
2019  blog