Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “maggiori informazioni” per informarti e per impostare il tuo brower secondo i tuoi desideri. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Blog Bliblioteca

punto di incontro per la Valdichiana senese

Garibaldi e l’Agnolucci

Inviato da il in Storia
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 2934
  • 7 Commenti
  • Stampa

garibaldi.pngQuello che offriamo ai nostri lettori è uno sfiziosissimo eBook. Poche pagine, un paio di riproduzioni, un bel salto indietro nella Sinalunga di metà Ottocento per rivivere dalle parole di chi c’era i due giorni, poco meno, di Garibaldi a Sinalunga.

 Si tratta della trascrizione del manoscritto originale di Luigi Agnolucci della storia di quei giorni:

«Io che ho tenuto sempre conto delle memorie paesane, non posso fare a meno di pubblicare per la stampa e con i tipi Marignani di Sinalunga una relazione dettagliata di un fatto che non solo si collega con la storia del risorgimento Italiano, ma che ha servito ad illustrare il nome prima oscuro e sconosciuto di Sinalunga...»

Luigi Agnolucci scrisse molto su l'argomento. Dell'argomento se ne parla nella sua raccolta generale di notizie e sulle "cartoline" di approfondimento, a volte con contraddizione, altre volte con l'omissione di particolari. 
Questo racconto, scritto cinquant’anni dopo, è il riassunto filtrato dalle emozioni del momento. È il resoconto di ciò che accadde quel lontano giorno...  

L’eBoook si trova nella sezione Multimedia

Vota:

Gruppo di volontari/e con riferimento alla Biblioteca Comunale di Sinalunga

Commenti

  • lorella fanotti
    lorella fanotti Martedì, 23 Aprile 2013

    La testimonianza è veramente interessante, mi è stata molto utile per scrivere un racconto, un approccio semplice al Risorgimento. Mi piacerebbe postarlo, ma non vedo la possibilità di allegare documenti. Ariano mi aiuti?

  • Ariano
    Ariano Martedì, 23 Aprile 2013

    Ciao Lorella. Sotto l'articolo ci sono diverse icone. Cliccando su quelle ti colleghi direttamente a twitter facebook ecc con il link a questa pagina. Oppure puoi gestire e commentare sulla tua pagina personale ricopiando l'indirizzo che trovi in alto nel tuo browser ed incollandolo dove vuoi e trasformandolo automaticamente in un link a questa pagina.
    Per praticità te lo riporto qui sotto
    http://www.biblioato.it/index.php/it/blog/entry/garibaldi-e-l-agnolucci.html

    copialo e incollalo dove vuoi, dalla mail alla tua pagina facebook o twitter o quello che vuoi

  • lorella fanotti
    lorella fanotti Martedì, 23 Aprile 2013

    Ariano non mi sono spiegata, chiedevo se era possibile postare in questo blog il racconto

  • Ariano
    Ariano Martedì, 23 Aprile 2013

    Si può fare, ma siccome i libri sono catalogati nella sezione multimedia, è necessario farlo per altra via. Per cui se hai un eBook da pubblicare invialo per e mail a me o alla redazione, magari anche con un breve incipit e ci penso io.
    Se poi vuoi fare anche un articolo come questo, invia anche quello, oppure inseriscilo da te con gli strumenti che trovi dopo aver inserito username e password

  • Ospite
    Donatella Mercoledì, 24 Aprile 2013

    Delizioso :p

    Me lo sono gustato a letto con il mio iPad in opzione notturna.
    Bellissima la navigazione finale tra la gente che assiste all'arresto nella grande piazza.
    Ragazzi siete forti

    :D:D:D

  • Ospite
    Antonio Mercoledì, 01 Maggio 2013

    Io non ho l'iPad e neppure tablet meno sofisticati per cui mi sono visto l'e-book sul computer con un programma di emulazione.
    Sicuramente non è la stessa cosa ma l'ho trovato comunque apprezzabile e se è così con un emulatore mi immagini come sarà simpatico con il lettore apposito
    Questo inizio può serbare una critica rispetto agli e-book che stato sfornando, ma non lo è. Capisco che il mondo si sta evolvendo e trovo giustissimo che si faccia di tutto per stare al passo con i tempi. Non nego che mi piacerebbe poter distogliere alcune centinaia di euro per un lettore di e-book ma al momento non posso e non è di questo che voglio parlare.
    Non sono mai intervenuto ma questa volta volta lo faccio per dire che con la buona volontà e soprattutto le idee si posso fare grandi cose: questo piccolo e-book ne è la prova lampante.
    Trovo encomiabile che anziché piangere al riparo della motivazione dei fondi che non ci sono, voi vi state impegnando, malgrado tutto e tutti a fare qualcosa per la cultura del nostro paese.
    Bisognerebbe che tutti, o almeno coloro i quali hanno la forza e le idee, riflettessero sull'attività di questo blog.
    Per quanto mi riguarda ringrazio tutti.

  • Ariano
    Ariano Venerdì, 03 Maggio 2013

    È sempre un dilemma rispondere a commenti che contengono complimenti:
    ringraziare, correndo il ischio della vanagloria,
    o far finta di niente rischiando la presunzione?
    Non essendoci una via d scampo, come insegna la ben nota “legge di Antoione”, detta anche “delle pietre” per via che – se sei bello, brutto, o anche solo così e così te le tirano; riteniamo giusto rispondere, non fosse altro per educazione.
    Credo di poterlo fare a nome di tutta la redazione (in questo momento affaccendata in altre faccende e quindi non disponibile) ma, nel dubbio (non si sa mai: le pietre insegnano), lo faccio a nome personale. E quindi: grazie.
    Per dare un briciolo di corpo al ringraziamento, tanto ormai la mia dose di pietre me la sono assicurata, vorrei rinforzare l’analisi fatta da Antonio, non perché ne abbia bisogno, dal momento che è estremamente lucida, chiara e concisa, ma solo, appunto, come rafforzativo.
    E quindi, è vero che sono giorni (a questo punto anni) difficili, ma questa non deve essere una giustificazione per stare a guardare.
    Dice un vecchio proverbio cinese:
    “Quando c’è carestia non devi pensare a conservare l’ultimo pesce che ti rimane, quanto piuttosto al modo di pescarne un’altro.”
    Beh, forse questo non è un vero proverbio cinese, ma potrebbe esserlo…

Lascia il tuo commento

Ospite Mercoledì, 18 Settembre 2019
free joomla templatesjoomla template
BIBLIOATO ALTA VALDICHIANA SENESE - SCRIVI ALLA REDAZIONE
2019  blog