Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “maggiori informazioni” per informarti e per impostare il tuo brower secondo i tuoi desideri. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Blog Bliblioteca

punto di incontro per la Valdichiana senese

Arte diffusa

Inviato da il in Generale
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 1747
  • 16 Commenti
  • Stampa

arte-scrofiano.jpg

 


Un e-book fotografico per fermarsi un momento a guardare con un po’ più di attenzione un territorio che, oltre a conservare un patrimonio artistico inestimabile, è esso stesso un’opera d’arte.

 

Il libro prende spunto dalla mostra “Il buon secolo della pittura senese. Dalla Maniera moderna al Lume Caravaggesco” ancora aperta nelle sedi espositive di Montepulciano, San Quirico d’Orcia e Pienza, ma che rimanda a quel grande museo diffuso nel territorio senese. Ed è proprio su questo territorio che il libro focalizza il proprio interesse per riflettere e far riflettere sulla fortuna di vivere in questi luoghi.
Il libro tra l’altro è scaricabile gratuitamente senza alcuna condizione, se non quella di non utilizzare testi e immagini per fini commerciali, dagli scaffali della “Bibliotheca de L’Amorosa”

seguendo questo link (vedi e scarica e-book) >


pittori_e_paesaggio-2.jpg

pittori_e_paesaggio-1.jpg


 

 

 

 

Vota:

Gruppo di volontari/e con riferimento alla Biblioteca Comunale di Sinalunga

Commenti

  • Ospite
    Giulia Lunedì, 10 Aprile 2017

    ho scaricato l'ebook è meraviglioso!!!!!!!!!!!!
    ma è veramente tutta roba nostra????
    incredibile siamo fortunati e non lo sappiamo
    abbiamo tutto questo ben di dio e ce ne andiamo per il mondo a vedere cose che non valgono la metà di quelle cha abbiamo dietro casa
    assurdo

  • Ospite
    Gianfranco Lunedì, 10 Aprile 2017

    Non esiste un altro posto sulla faccia della terra che può vantare una concentrazione di bellezze come questo angolo della Toscana.
    Bisogna veramente fare di tutto per farlo capire agli abitanti.
    Complimenti per l'idea.

  • Ospite
    Antonio Lunedì, 10 Aprile 2017

    Veramente Super
    Però ora dovresti fare un altro sforzo e aggiungere le parti mancanti del territorio in modo da avere una panoramica completa a tutto tondo

  • Ospite
    Daniele Lunedì, 10 Aprile 2017

    Indubbiamente si tratta di un bel lavoro. Si lascia leggere con grande facilità e le foto sono di grande impatto. Forse è un po' troppo raffinato per la nostra gente che temo non lo apprezzerà per quanto vale. Certo è un biglitetto da visita eccezionale che speriamo possa essere speso bene.

  • Ospite
    Alessandro Lunedì, 10 Aprile 2017

    Io ho visto le tre mostre proprio in questo week end, trovare subito pronto questo ebook è stata una grande sorpresa, l'ho letto tutto e ho guardato con attenzione tutte le foto compresa la mappa con il riferimento del punto di scatto, è stato bello rivedere tutto ma mi sono accorto di non averci capito niente, penso di rifarmi daccapo perchè ho come la sensazione di aver visto un'altra cosa.

  • Ospite
    Sonia Martedì, 11 Aprile 2017

    Perchè non un nuovo Quaderno Sinalughese dedicato solo a questo???

  • Redazione
    Redazione Martedì, 11 Aprile 2017

    Perché no? Anzi, perché sì! Sarebbe sicuramente bello, speriamo di trovare la forza per affrontarlo.

  • Pasquino
    Pasquino Martedì, 11 Aprile 2017

    Mi sono trovato ieri sera a parlare con due amici al bar…….. veramente eravamo in piazza ma ma il bar suona meglio per il fatto che è una frase sentita più volte. Proprio così una cosa già sentita o vista e non ci si fa più caso. Abbiamo parlato di questo libro delle opere d’arte che abbiamo del nostro paesaggio ecc. io dicevo che tutto ciò è fantastico e gli amici dicevano che lo sapevano e che li avevano già visti, ma poi scendendo nello specifico non sapevano niente degli affreschi del Sodoma a Sant’anna, non erano mai entrati nella chiesa di Trequanda e neppure in quella di Scrofiano. Allora ho detto che il libro era utile e allora è iniziata una lunga discussione per cui era vero che non si conoscevano le nostre opere d’arte e gli scrigni che le contengono ma la colpa era delle opere e degli scrigni che sono troppi.
    Sono andato a letto pensando che non sarà facile acculturare il popolo e con un po’ di magone pensando che un libro come questo in fondo è solo una piccola goccia in un oceano sterminato…… non so di che.

  • Pasquino
    Pasquino Martedì, 11 Aprile 2017

    Mentre stavo scrivendo ho visto arrivare la richiesta di Sonia.......
    BRAVA!!!!
    Una bella richiesta che mi riconcilia..... in parte.... con la mia comunità
    ...
    naturalmente mi associo con entusiasmo alla richiesta

  • Pasquino
    Pasquino Martedì, 11 Aprile 2017

    Mentre stavo scrivendo ho visto arrivare la richiesta di Sonia.......
    BRAVA!!!!
    Una bella richiesta che mi riconcilia..... in parte.... con la mia comunità
    ...
    naturalmente mi associo con entusiasmo alla richiesta

  • Pasquino
    Pasquino Martedì, 11 Aprile 2017

    Sono ancora io, stavo pensando: popolo, fino a quando questo blog sarà a disposizione di tutti, approfittiamone per farci sentire, magari le nostre richeste potrebbero servire a stimolare la creatività e la fantasia...

  • Ospite
    Rita Mercoledì, 12 Aprile 2017

    Il libro è molto bello: arte dipinta e arte in natura in un alternarsi di colori e paesaggi, gli stessi che fanno da sfondo ai soggetti dei dipinti. E l'arte con cui l'autore delle foto, Ariano Guastaldi, ha reso le inquadrature, i colori, la scelta dei soggetti paesaggistici che fanno del libro anche uno strumento promozionale del territorio per alcuni luoghi ancora sconosciuto. Un libro che educa e trasmette la meraviglia che ci avvolge. Questo dovrebbe essere anche uno degli obiettivi della Mostra.

  • Ruscus
    Ruscus Mercoledì, 12 Aprile 2017

    Commenti assolutamente condivisibili!
    Avere tante opere d’arte a portata di mano è una grande fortuna, non solo, è anche una grande risorsa.
    Pretendere che tutti apprezzino e capiscano è impossibile ma ognuno di noi faccia la sua parte.
    Essere artefici con i propri mezzi della promozione di quello che abbiamo è un obbligo se vogliamo custodirlo e gestirlo per i posteri.
    Divulgare produce consapevolezza e legame di appartenenza ad una terra dove, come nel nostro caso, il mondo della bellezza predomina ancora sullo squallore della mediocrità dilagante dalla quale dobbiamo difenderci.
    E’ un fatto educativo, economico e sociale: il bello dell’arte e del paesaggio attrae, muove studiosi e visitatori da ogni parte del mondo, genera desiderio di conoscere, produce benessere e nuove iniziative.
    Non risolve i problemi del mondo ma certamente aiuta a dare una spinta per far ripartire la nostra macchina che si è inceppata.

  • Ospite
    Daniela Domenica, 14 Maggio 2017

    Ieri con una mia amica abbiamo visitato le tre mostre. Belle le opere d’arte ma non le so giudicare, molto bella l’idea nel suo insieme ma sopra tutto bellissimo l’e-book realizzato perché se non era per questo non avrei mai visto la mostra.

  • Ospite
    Alessandra Domenica, 14 Maggio 2017

    Anch'io ho visto la mostra grazie a l'e-book
    io però ho visto quella diuffusa nel territorio
    seguendo le indicazioni.

    Senza questa spinta non lo avrei mai fatto

  • Ospite
    Bob Giovedì, 01 Giugno 2017

    Unique artwork, wonderful places, beautiful book. Thanks for the gift!

Lascia il tuo commento

Ospite Venerdì, 20 Ottobre 2017
free joomla templatesjoomla template
BIBLIOATO ALTA VALDICHIANA SENESE - SCRIVI ALLA REDAZIONE
2017  blog