Cerimonie ricordo presso i monumenti ai Caduti di Sinalunga, Bettolle e Scrofiano con le Associazioni d’Arma e l’Istituto Comprensivo “J.Lennon”.
Nel pomeriggio, l’Associazione ex-combattenti di Scrofiano ha ospitato nella sua bella sede la presentazione del libro, edito per la collana “i piccini” della Biblioteca Comunale, “Maria Armida Cutini - Maestra di Scrofiano, Crocerossina nella Grande Guerra” di E.Grieco e A.Guastaldi.

 

In Italia, negli anni della Grande Guerra, furono 10.000 le donne che prestarono il loro servizio per assistere i feriti del conflitto. Tra queste, ­appunto, anche Maria Armida.
Con questo libro, a distanza di cento anni, la si è voluta ringraziare.
Dall’introduzione: «Mentre rivolgiamo lo sguardo su di lei, la famiglia, il borgo di ­Scrofiano e Sinalunga in quegli anni, incrociamo le vicende ­dell’Italia e dell’Europa, in un momento cruciale. È come se piccola storia e grande storia si incontrassero intrecciandosi. In questa narrazione confluiscono diversi momenti e aspetti fondamentali della nostra vita nazionale e locale:

1. La Prima guerra mondiale, nel centenario di quel tragico evento.

2. Il ruolo delle donne nel conflitto e nella vita sociale dell’epoca.

3. La storia del nostro territorio attraverso avvenimenti, luoghi e persone. E si delinea il tentativo di porre in primo piano la storia sociale che mette al centro i soggetti, le persone. Qui, infatti, abbiamo la maestra Cutini che parte crocerossina volontaria al fronte; e il padre che era stato volontario nella campagna risorgimentale del 1866. Incontriamo inoltre altre donne che partecipano con spirito di abnegazione e senso di patriottismo (concetto che ai nostri giorni si è un po’ perso) ad una causa nazionale comune. Donne che, divenendo protagoniste di questa esperienza, maturano al contempo istanze di emancipazione. Osservando le vicende di queste persone, scrutiamo la vita delle comunità in cui esse sono attive. Emerge una realtà di grandi valori e un mondo in fermento che porterà a grandi cambiamenti. La nostra vita e quello che oggi noi siamo, è in parte anche frutto di quella storia di 100 anni fa.

Anche per questa ragione vale la pena di conoscerla meglio.»

Il libro è disponibile in Biblioteca.

 

 

Scrofiano.jpg

4Nov-Sinalunga.jpg

4Nov-Bettolle.jpg

4Nov-Scrofiano.jpg

M.A.Cutini.jpg